4 consigli per vincere il blocco dello scrittore senza ansie

Ti sei svegliato male: non sai cosa scrivere. Non ti viene in mente niente, le parole sfuggono dalla tua penna. È terribile e non avresti mai pensato potesse succedere anche a te.
Ne avevi sentito parlare, si chiama blocco dello scrittore, ma pensavi fosse un falso mito, uno di quei luoghi comuni che colpiscono il web writer alle prime armi.

Oggi devi ricrederti perché tu, copywriter navigato, scrittore incallito di parole con le mani che parlano, sempre sporche di inchiostro, anche tu sei stato colto di sorpresa e oggi non sai che cosa scrivere. Le parole non arrivano, guardi fisso una pagina bianca e dopo quasi un’ora non hai scritto ancora nulla.
Non sentirti a disagio, è normale. Almeno una volta nella vita anche un copywriter professionista si è trovato in questa situazione e ha dovuto combattere con il blocco dello scrittore, quel panico da foglio bianco che fa tremare le mani e annebbiare la mente.

Spaventarsi in questi casi non serve a nulla, tanto meno andare in crisi. Non hai perso le parole, è solo un momento che può dipendere da tanti fattori:

  • sei stanco e oberato di cose da fare
  • non hai la giusta concentrazione
  • hai perso la motivazione e scrivere di un argomento o per quel cliente diventa un impegno pesante
  • non riesci a organizzare il tuo tempo
  • non conosci bene l’argomento di cui parlare
  • non sei allenato alla scrittura come pensavi
  • il luogo in cui lavori e scrivi non è adatto

Hai letto quanti non? Per scrivere bene e ottimizzare i tempi servono tanti ingredienti, alcuni  fanno parte di questo elenco. Organizzare il tuo tempo programmando ogni minuto è un buon modo per imparare a concentrarsi. Trovare il luogo ideale per scrivere è un altro elemento indispensabile per vincere il blocco dello scrittore, appuntare ogni idea che arriva nei momenti più strani è un’altra idea utile per evitare di perdere le parole.

Insomma, quando si parla di panico da foglio bianco non ci sono regole che valgono per tutti. I motivi per cui si fissa il foglio e ci si blocca sono tanti; tutto sta a capire quale soluzione è più adatta per risolvere il problema.
Parlo di problema anche se il termine è sbagliato, perché alla fine anche ai migliori capita di bloccarsi e avere un momento no: questo non significa che c’è una crisi di fondo o che si sia persa la verve creativa.
Semplicemente capita.

Per superare il blocco dello scrittore devi scrivere

Sembra una follia ma è la soluzione migliore per vincere il panico. Guardare lo schermo del pc o fissare il foglio bianco immaginando tutt’altro ti farà perdere altro tempo.
Impugna bene la penna e scrivi. Scrivi qualsiasi cosa ti venga in mente. Parla di quello che hai fatto ieri, di che cosa hai cucinato per cena o di quello che vorresti fare domani. Metti in fila parole anche se parlano del nulla, componi anagrammi, libera la mente.
Scrivere quando si è bloccati aiuta a sbloccarsi.
So che detta così risulta una grande banalità ma ti posso assicurare che è il miglior metodo per sconfiggere quell’ansia o quel blocco arrivato all’improvviso e senza un perché.

4 soluzioni pronte all’uso per sconfiggere il panico da foglio bianco

Ti lascio 4 consigli pratici per vincere le tue paure e metterti di nuovo in moto. Ritornerai più carico di prima e capirai che questo momento no è solo una fase passeggera, che può diventare uno stimolo per migliorarti come scrittore.

Sei pronto? Inizia a far muovere le dita.

1 Cambia i tuoi ritmi quotidiani

Se il blocco dello scrittore ti impedisce di scrivere come facevi un tempo, forse c’è qualcosa che non va nel tuo stile di vita. Interrogati sui ritmi quotidiani, su come imposti il lavoro ogni giorno. Prova a mescolare le carte, stuzzica la tua creatività e mettiti in gioco. Può essere più semplice di quanto pensi.

2 Lascia idee e parole a macerare

Sì, hai letto bene. Anche le parole – e le idee – devono macerare come le fette di una torta di mele. Devono riposare tra zuccheri e tranquillità. Hanno bisogno di vivere un momento di pausa. Perché non si può andare sempre di corsa, non si può scrivere un bel testo sempre e solo quando si vuole. Chi decide qual è il momento giusto? Non puoi essere sempre tu l’artefice di un buon contenuto. Ascolta la tua idea, mettila in cantiere e fissa il concetto di cui vorresti parlare.
Fai una cartella sul pc dedicata a questa fase, compra un nuovo taccuino per appuntare le tue idee. Capirai da solo quando è il momento giusto per metterle su carta.

3 Riscrivi ciò che hai già scritto

Non riesci a scrivere il testo che vorresti? Bene. Prendi un testo vecchio, di quelli già consegnati al cliente o che hai pubblicato per te stesso. Leggilo con attenzione e prova a riscriverlo. Sono sicura che troverai un’altra chiave di lettura, che vorrai aggiustare e riprendere più frasi.
Non barare però: scegli un testo datato, non quello della scorsa settimana.

4 Gioca con domande e risposte

Giocare stimolerà la tua creatività, non ti farà stare fermo a fissare il foglio bianco. Il gioco da fare è semplice: scegli un tema che ti piace e cinque domande da sviluppare su quel tema. Scrivile una dopo l’altra e rispondi in totale libertà. Non fermarti a rileggere e solo dopo aver risposto a tutto, controlla ciò che hai scritto. Sai che in quella parte di testo c’è anche una storia?

Ecco, il blocco dello scrittore è andato via. Per oggi hai allontanato il problema.
Ci risentiamo alla prossima, ok?

Eleonora Usai
autore

Eleonora Usai

Moleskine alla mano e biro tra i capelli, confeziona testi come se fossero outfit. Veste di parole le giornate e la sua anima di copywriter fa indossare ai suoi clienti gli abiti più chic. Comunicatrice dalle elementari, in cui temi a colori le hanno fatto amare le parole, ha un cammino formativo cucito addosso all’amore per paràfrasi e vocali. Grazie alla passione per la scrittura, ama “indossare le idee degli altri“.

Lascia un commento

Seguici: