Adobe Illustrator compie 30 anni

Oggi vorrei parlarvi del mio programma di grafica preferito: Adobe Illustrator, che nel 2017 ha compiuto 30 anni! Era il 1987 quando iniziò la nuova era dell’editoria digitale e del graphic design (la prima release ufficiale gennaio 1987). Adobe Illustrator trasformò radicalmente la progettazione grafica, dando agli artisti e ai creativi, la possibilità di creare e pubblicare illustrazioni vettoriali. Oggi infatti, sono oltre 6 milioni le immagini che vengono create mensilmente con questo spettacolare programma.

Secondo Adobe se oggi Illustrator può festeggiare il suo compleanno è tutto merito degli utenti che lo utilizzano ogni giorno. Quando venne presentato, l’Adobe ricevette parecchie critiche e la preoccupazione principale era che Illustrator avrebbe rovinato la qualità della grafica pubblicitaria, chiunque infatti, avrebbe potuto disegnare.

 

“Certo tutti possono usare Illustrator ma solo i migliori sapranno emergere” disse John Warnock co-fondatore di Adobe “La creatività è nel disegno. La creatività è nella persona che usa gli strumenti”

 

Trent’anni fa ci venne data la libertà di creare grafica digitale precisa, perfetta e regolabile e di questo ve ne saremo sempre grati!! Nel corso degli anni il programma si è evoluto, continuando a rendere sempre più accessibile il disegno grafico. Le tavole da disegno hanno reso possibile modificare le dimensioni delle immagini e adattarle alla stampa o alla visualizzazione dello schermo. Angoli e forme dinamiche hanno introdotto la possibilità di manipolare la larghezza, l’altezza e il raggio direttamente sugli oggetti stessi.

Moltissimi cambiamenti e aggiunte nel corso degli anni, sono merito degli utenti e dei loro suggerimenti. La migrazione alla versione a 64 bit e il rendering tramite GPU per esempio, che hanno reso dieci volte più veloce il rendering delle immagini.

 

Il futuro è multicanale, il futuro è web

Oggi l’Adobe punta tutto sul multicanale e il multi schermo. Gli utenti infatti accedono ai contenuti da una molteplicità di dispositivi e questo ha reso necessario creare un sistema efficiente che creasse immagini adattabili a una gamma più vasta e diversificata di media. L’azienda introdusse a questo proposito l’esportazione per schermi, che permette di salvare ed esportare in più dimensioni e formati con un solo passaggio.

Ma il futuro non si ferma al multicanale, il futuro guarda al web e Illustrator non è rimasto li a guardare, si è evoluto, non solo stampa quindi ma anche e soprattutto digitale. Una delle maggiori esigenze degli sviluppatori e degli web designer era avere immagini leggere ma con una risoluzione al pari del vettoriale ed ecco che arriva la grafica vettoriale scalabile (.SVG): icone e immagini sempre perfette! Non dimentichiamoci poi del cloud e della creative cloud dove è possibile condividere grafiche, colori, stili di carattere e guide, collaborare e modificare contenuti con altri creativi.

A ogni grafico il suo programma

Insomma Illustrator compie trent’anni e come il vino con il tempo migliora, se non ci fosse probabilmente mi sentirei persa, è indubbiamente lo strumento grafico che prediligo e utilizzo con più frequenza. Dalla progettazione di un logo alla creazione di un’illustrazione, al layout per un sito a quello di un poster.

Ogni grafico ha il suo programma, lo strumento che lo caratterizza stilisticamente, che lo esalta nella professione e perché no, lo distingue dai colleghi. Il mio programma è proprio Adobe Illustrator. Se devo scegliere infatti, se lavorare con Photoshop o Illustrator, la scelta è scontata, è sempre la seconda. La sua interfaccia è la mia casa.

Ricordo come fosse ieri la prima volta che lo usai (2001), ero scioccata, potevo fare mille cose e solo con un movimento del mouse! Il mio stile lo devo proprio a lui, fu amore a prima vista. Era doveroso celebrarlo: Buon compleanno Illustrator!!

Roberta Soru
autore

Roberta Soru

Di lei si sa poco, non sappiamo quale sia il suo vero volto. Perennemente dietro un monitor o china su uno smartphone è un essere mitologico multitasking, che 100 ne pensa 1000 ne fa. Nasce come grafica, si riscopre illustratrice, finché non si imbatte nel fantastico mondo del web e dell’html, dove si specializza. Una Kalì in formato mignón pronta a trasformare tutto ciò che la circonda in tag e pixel.

Lascia un commento

Seguici: